Matteo Placucci



“Credo fermamente che ognuno di noi sia testimone del suo tempo e che questo tempo vada documentato”.

Matteo Placucci è un fotoreporter italiano classe 1983, nato sulla costa adriatica. La sua esperienza nel mondo della fotografia comincia nel 2017. Durante un lungo viaggio di due anni nell’Africa sub Sahariana, sente sempre più forte l’esigenza di raccontare quello che lo circonda e le storie di quelle persone che stavano condividendo con lui una parte della loro vita.


Empatia, sensibilità e capacità di ascolto sono le pietre miliari di una fotografia che inevitabilmente si sviluppa di giorno in giorno nel suo modus operandi, e che ha potuto svilupparsi ancor più durante i suoi studi di fotogiornalismo, svolti a Roma presso Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata (ISFCI).


(dal progetto Corona Veterans)


Problematiche sociali, eventi politici e religiosi, conflitti ambientali e questioni legate al cambiamento climatico: questi sono alcuni degli argomenti che Matteo Placucci affianca al filo conduttore di gran parte dei suoi progetti, ossia la salute mentale e la sfera emotiva dei protagonisti delle storie che racconta.


The tail of the Game_britain Matteo Placucci curatela Loredana De Pace
dal progetto The tail of the Game_britain route

The tail of the Game_britain route Matteo Placucci curatela Loredana De Pace
dal progetto The tail of the Game_britain route

“Decidere di diventare fotografo senza aver compiuto un vero e proprio percorso accademico non è stato facile, ma questa scelta è stata dettata dalla forte necessità di documentare e testimoniare”, sottolinea l’autore. Nel 2017, scegliendo questa professione, ha deciso di diventare parte attiva in questa testimonianza. Ha esposto la sua mostra Crossing the Balkans presso il festival di fotografia ColornoPhotoLife 2021. È seguito dalla curatrice Loredana De Pace e rappresentato dall’agenzia francese Hans-Lucas.



matteoplacucci.com

instagram: @matteo_placucci_photography

facebook: MatteoPlacucciPhotography

linkedin: Matteo-Placucci